Museo Fellini

Comune di Rimini

CLIENTE
  • Comune di Rimini
I NOSTRI SERVIZI
  • Exhibition Design
  • Allestimento / Multimedia set-up
  • Supply and Installation

Il più grande progetto espositivo dedicato al genio di Federico Fellini: un museo diffuso

Il Museo Fellini, inserito dal Ministero per i Beni Culturali tra i grandi progetti nazionali, è stato realizzato a Rimini e sfrutta la tecnologia per valorizzare il materiale d’ archivio e trasmettere ai visitatori le emozioni autentiche del cinema felliniano.
Un luogo in grado di interpretare il cinema del maestro riminese non come opera in sé conclusa, ma come chiave per connettere tradizione e contemporaneità. Un museo del “tutto si immagina”, capace di restituire quello che il cinema vuole essere fin dalla sua origine e che i film di Fellini esprimono nel modo più compiuto: stupore, fantasia, spettacolo, divertimento.

Il complesso allestimento tecnico e immersivo del Fellini Museum si propone di esaltare l’eredità culturale di uno dei più illustri registi della storia del cinema, dando vita a un percorso composito di narrazioni partecipate.

Il vasto polo museale felliniano articola la sua narrazione su tre percorsi espositivi complementari, con rimandi tra spazi indoor e outdoor

Una sala del Museo Fellini a Rimini con schermi, che riproducono celebri scene felliniane, scendono dal soffitto di travi a vista in legno, allestimento a cura di ett
riproduzione gigante di Anita Ekberg tratta dalla Dolce Vita di Fellini presso il Museo Fellini di Rimini

Castel Sismondo, la rocca malatestiana del Quattrocento è sviluppato secondo un tracciato che procede per evocazioni di temi fondamentali nell’immaginario e nel cinema felliniano. Palazzo Valloni, un edificio di origine settecentesca, dove ha sede anche il Fulgor, il leggendario cinema immortalato in Amarcord è il luogo in cui le opere, i disegni, gli epistolari, i rapporti e gli scambi professionali di Fellini, fruibili in parte in originale, in parte attraverso repertori digitali trovano la propria collocazione. Il terzo e ultimo asse che unisce i due edifici è invece Piazza Malatesta, una grande area urbana riqualificata e trasformata in una vera e propria Piazza dei Sogni con porzioni a verde, arene per spettacoli e installazioni artistiche.

Supportiamo la tua crescita digitale