Read More

The Ocean Race Europe – Il progetto del Consorzio Sindbad per il Genova Blue District

Dal 17 al 20 giugno il Porto Antico di Genova ospiterà The Ocean Race Europe, la regata destinata alla sostenibilità che ha scelto il capoluogo ligure come finale della sua prima edizione in 4 tappe.

Una vera e propria anteprima di The Ocean Race – The Grand Finale 2022-2023, l’evento mondiale iconico per il mondo della vela che tornerà nuovamente a Genova per concludere il suo giro.

In occasione dei 4 giorni della regata di quest’anno 2021, la città allestisce il Villaggio, area eventi del Porto Antico, per ospitare un ricco programma di iniziative con la partecipazione di sponsor, nazionali e internazionali, che manterranno il focus sulla sensibilizzazione della tutela ambientale e marina e, naturalmente, sulla sostenibilità.

A partecipare alla iniziative ci sarà anche il Genova Blue District, il distretto innovativo del Comune di Genova dedicato alla blue economy, che presenterà le proprie attività giovedì 17 giugno alle 14:30 sul palco del Piazzale delle Feste.

Saranno invitate anche 4 start-up innovative a presentare i loro progetti, tra cui il Consorzio SINDBAD, fondato da On Air Srl, Xedum Srl del gruppo ETT e PM Ten S.r.l., che si avvale anche della collaborazione tecnica e scientifica del CNR (IAS e ISMAR) e dell’Università di Genova (Dipartimenti DITEN e DICCA).

Il Consorzio SINDBAD ha in programma di presentare uno strumento innovativo per le previsioni meteomarine di supporto alla navigazione per la nautica da diporto e la pesca, per rendere la navigazione sicura, confortevole e a basso impatto ambientale.

A questo link è possibile consultare il programma completo delle iniziative genovesi legate a The Ocean Race Europe.

Read More

ETT all’EMODnet Conference

Dal 14 al 16 giugno 2021 è online l’EMODnet Open Conference, l’evento dedicato a dati, prodotti e servizi di dati che analizza le strategie dell’European Marine Observation and Data Networkt per il 2030 e oltre.

In quanto leading partner della divisione EMODnet Physics, anche ETT prende parte alla conferenza assieme a fornitori di dati, utenti e altri partner provenienti da tutto il mondo. 

Un’opportunità unica per riunire tutti gli attori e le comunità partecipanti e progettare i prossimi passi da muovere in futuro.

Relatori di alto livello provenienti da vari campi, con background ed esperienze differenti saranno gli speaker della conferenza composta da sessioni plenarie, panel, community pitches e discussioni di gruppo. 

L’evento è ospitato su una piattaforma online che prevedere un exhibit virtuale dove sono presenti oltre 60 poster della comunità e spazi ad hoc per organizzare incontri 1to1 e presentare prodotti e servizi.

Read More

Oceano e Clima – Murales per la salvaguardia dell’oceano

L’8 giugno prende il via il progetto Oceano e Clima ideato da Worldrise Onlus nell’ambito della campagna 30×30 Italia e lanciato per sensibilizzare il pubblico sul ruolo chiave della salvaguardia dell’ambiente marino per risolvere la crisi climatica.

Nella giornata degli oceani, l’iniziativa si pone un obiettivo concreto: facilitare la protezione di almeno il 30% dei nostri mari entro il 2030 per garantirne funzionalità e produttività. 

La mitigazione dei cambiamenti climatici è uno degli obiettivi dell’Accordo di Parigi che necessita di una strategia in grado di tutelare e conservare l’habitat marino e costiero. Oceano e Clima si inserisce proprio in questo contesto europeo per contenere la perdita di biodiversità.

Mariasole Bianco, Presidente di Worldrise Onlus ricorda che “La soluzione parte dalla conoscenza, passa per la consapevolezza e si manifesta attraverso l’azione”.

Per questo motivo il progetto Oceano e Clima si concretizza con l’avvicinamento dell’ambiente marino a quello urbano. Le città italiane che prendono parte al progetto animano le proprie strade con una vera e propria opera di street art, a tema marino,10 murales in totale realizzati rigorosamente con vernici ecologiche. Milano, Bari, Chioggia, Firenze alcune tra le realtà urbane che hanno partecipato.

Ogni murales presenta un link che indirizza a una sezione ad hoc del sito 30×30 Italia dove è possibile visualizzare 10 video a tema oceano e clima.

La campagna è stata creata con il supporto di ETT, Emodnet, So Chic e Ariston, in collaborazione con Sky e Commissione Europea.

Murales di balena
Murales di uomo con pipa e capello con barca e balena
Murales con polpo blu e subacquei
Murales con immagini marine

Presentazione risultati Liguria 4P Health

Liguria 4P Health (Predictive, Personalized, Preventive, Participatory) 

La piattaforma di eHealth/mHealth realizzata nel progetto Liguria 4P Health “accompagna la persona” nel suo viaggio lungo il percorso di prevenzione e cura aumentando la qualità e quantità della sua vita in modo efficace e sostenibile per il Sistema Sanitario della Regione Liguria.

I risultati dell’applicazione di un modulo della piattaforma ottenuti presso l’Ospedale Galliera di Genova sono stati presentati al 35° Congresso Nazionale SIGOT (Società Italiana Geriatria Ospedali e Territorio) che si terrà dal 16 al 18 giugno per via telematica.

Liguria 4P Health è un progetto finanziato nell’ambito del PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 – Regione Liguria e realizzato da un’associazione di imprese costituita da MAPS S.p.a. (Capofila), ETT S.p.a., FOS Green Tech s.r.l., Impara s.r.l., Nextage s.r.l., Camelot Biomedical Systems s.r.l. e Netalia s.r.l.  con la collaborazione dell’Università di Genova, del E.O. Ospedale Galliera e del Consiglio Nazionale delle Ricerche-CNR.

Il progetto è nato con l’obiettivo primario di sviluppare un prodotto software/hardware innovativo di mobile-health con una componente “core” di intelligenza artificiale per l’analisi dei dati sia clinici non strutturati, sia acquisiti in tempo reale da sensori indossabili o ambientali per il monitoraggio di pazienti cronici e anziani fragili nel loro percorso assistenziale personalizzato. Questo obiettivo generale del progetto è stato declinato in sotto-obiettivi mirati a legare i diversi moduli del prodotto con specifiche esigenze di monitoraggio e assistenza per le principali criticità e patologie. L’uso di tali tecnologie e la possibilità di accedervi attraverso un unico prodotto integrato fruibile tramite una piattaforma cloud (e quindi senza necessità di investimenti in infrastrutture destinate poi ad obsolescenza) potrà avere un impatto notevole nel rendere gestibile a livello sia tecnico sia economico dei percorsi di osservazione intensiva e assistenza domiciliare o in strutture protette post-degenza ospedaliera per una porzione crescente di popolazione senza incidere sulla sostenibilità complessiva del sistema sanitario.

Tre progetti di ETT per la Milano Digital Week 2021

Dal 17 al 21 marzo 2021, ETT parteciperà alla 4° edizione della Milano Digital Week, l’evento interamente online che si propone come laboratorio di innovazione digitale e che testimonia l’impatto delle nuove tecnologie sulla realtà che ci circonda.

Dal 17 al 21 marzo 2021, ETT parteciperà alla 4° edizione della Milano Digital Week, l’evento interamente online che si propone come laboratorio di innovazione digitale e che testimonia l’impatto delle nuove tecnologie sulla realtà che ci circonda.

Il focus di quest’anno è la città equa e sostenibile, la perfetta definizione della Milano del 2021: un centro culturale e di innovazione sostenibile, integrato e smart.

Grazie alla partnership con Stress S.c.a.r.l., ETT presenta i suoi tre progetti:

  • Smartcase
  • Grisis
  • Must

La collaborazione tra cittadini e aziende, istituzioni e assessorati all’interno del centro urbano è il punto di partenza di queste tre nuove proposte tecnologiche.

Smartcase (Soluzioni innovative Multifunzionali per l’ottimizzazione dei Consumi di energia primaria e della vivibilità indoor nel Sistema Edilizio) è un progetto che individua soluzioni innovative per contenere i consumi energetici e riqualificare o proporre nuovi edifici a impatto zero. Grazie allo studio preliminare a livello edilizio, Smartcase produce sistemi di domotica avanzata e sostenibile per le case del futuro. L’Università degli Studi di Napoli Federico II, ad esempio, ha avuto modo di partecipare al progetto mediante la riqualificazione del complesso degli edifici di Ingegneria Navale.

Grisis nasce come progetto che promuove lo sviluppo di metodologie e tecniche per la Gestione dei Rischi e della Sicurezza delle Infrastrutture a Scala regionale, da cui trae il suo nome. Attraverso azioni di ricerca, analisi dei rischi e di pianificazione del territorio, il progetto Grisis sviluppa applicativi software e soluzioni tecnologiche che incrementano la sicurezza di strade, sistemi metropolitani o reti dati.

Must è un’app che sfrutta totalmente la collaborazione tra cittadini per gestire e curare la manutenzione dei servizi di vicinato e più in generale, della città. Maintenance Urban Sharing Tools, il suo acronimo evoca gli strumenti di condivisone di manutenzione urbana. Il sistema funziona come una piattaforma in cui il cittadino può segnalare eventuali informazioni e problematiche condividendole con la comunità e lo mette in comunicazione diretta con il responsabile e i tecnici del servizio di manutenzione.

Capire in che misura oggi il digitale influenzi le nostre vite è ancora da chiarire, ma sicuramente l’impatto che avrà nel futuro sarà enorme. I progetti che ETT sta sviluppando per la Milano Digital Week 2021, esattamente come tutti gli interventi proposti nei 5 giorni dell’evento, vogliono favorire lo sviluppo di una cultura tesa adiffondere conoscenze e innovazione tramite il digitale.

Per scoprire in che modo ETT e STRESS S.C.A.R.L stanno già plasmando il nostro futuro, è possibile visualizzare l’intervento di presentazione dei tre progetti qui sotto.

Sito ufficiale: https://www.milanodigitalweek.com/edilizia-e-infrastrutture-progetti-smart-per-la-citta-resiliente/

EMODnet e NMDIS insieme verso il futuro

ETT Smart City - Planet - CMEMS

Oggi la partnerships EU-Cina sulla raccolta dati relativa al mare ha fatto un grande passo avanti grazie alla firma di un Memorandum d’intesa tra l’European Marine Observation and Data Network (EMODnet) e il National Marine Data and Information Service (NMDIS).

L’accordo consolida la collaborazione operativa, tecnica e scientifica attualmente ben avviata, fornendo un quadro chiaro per portare avanti gli sforzi congiunti attraverso i progetti EMOD-PACE e CEMDNET su tre aree specifiche di collaborazione:

  • la condivisione dei dati disponibili in-situ, dell’osservazione della terra e dei dati marini modellizzati;
  • lo scambio di conoscenze e migliori pratiche in materia di dati relativi al mare e di ricerca e sviluppo sui prodotti dell’informazione e tecnologie associate;
  • lo sviluppo e l’attuazione di piani di lavoro comuni tra NMDIS ed Emodnet in relazione alla rianalisi degli oceani, alla mappatura degli habitat dei fondali marini, alla vulnerabilità ecologica e all’adattamento delle zone costiere

Il memorandum delinea i settori e le attività iniziali che si prevede di sviluppare nell’ambito del partenariato di cooperazione, mentre tale elenco può essere aggiornato nel tempo con un reciproco accordo. L’obiettivo è stimolare ulteriormente lo sviluppo di approcci e pratiche collettive per affrontare le sfide e le preoccupazioni mutuali e globali in relazione alla governance internazionale degli oceani e ai dati relativi al mare.

Alla luce della pandemia in corso, vi è un’attenzione particolare nel memorandum d’intesa in cui EMODet e NMDIS convengono di mitigare e collaborare su tutte le misure necessarie per garantire il maggior numero di progressi possibile. La previsione delle circostanze immediate non è facile ma, se possibile, il prossimo incontro potrebbe essere un faccia a faccia a Tianjin (Cina) a fine 2021, in Novembre.
ETT è leading partner e Coordinatore per la sezione Physics di EMODnet.

Visita il sito web EMODnet Physics
Visita il sito web EMODnet

CMEMS General Assembly

Si apre oggi la Copernicus Marine Service General Assembly della durata di tre giorni, quest’anno in un format completamente digitale a causa delle problematiche legate alla pandemia.
L’obiettivo della manifestazione è quello di constatare i traguardi raggiunti dal progetto, fino ad oggi.
Il programma è costituito come segue:

  • MAIN MISSION Recap
  • Approcci
  • Attività – Evoluzione delle infrastrutture
  • Attività – Evoluzione dei softwares
  • Attività – Evoluzione del Consorzio
  • Attività – Evoluzioni “oltre il contratto”
  • Conclusioni

Il Copernicus Marine Service (o Copernicus Marine Environment Monitoring Service) è la componente marina del programma Copernicus dell’Unione europea. Fornisce informazioni autorevoli libere, regolari e sistematiche sullo stato dell’oceano.
ETT è partner della CMEMS Du che rappresenta il sistema di raccolta e distribuzione dei prodotti CMEMS.

Scopri di più. 

Secondo Meeting Annuale EuroSea, 18 – 22 Gennaio 2021

Il consorzio ha discusso i progressi compiuti nei primi 14 mesi del progetto ed è riuscito a rafforzare le connessioni e le sinergie tra i 55 partner di Eurosea. È stato fornito uno spazio per uno scambio vivace e lo sviluppo di nuove idee attraverso una serie di workshop e spazi di networking virtuale. 

L’incontro è iniziato con l’introduzione da parte del coordinatore del progetto e dei rappresentanti della Commissione europea e dell’Ufficio europeo del Centro di coordinamento G7/GOOS per poi di immergersi nelle relazioni sullo stato di avanzamento dei pacchetti di lavoro.
 
Martedì, mercoledì e giovedì mattina il consorzio Eurosea ha approfondito la conoscenza del sistema australiano di osservazione marina integrata (IMOS), del sistema globale di osservazione degli oceani (GOOS) e del sistema europeo di osservazione degli oceani (EOOS). Ulteriori relazioni sullo stato di avanzamento del pacchetto di lavoro sono state integrate da presentazioni su “Women in Oceanography” organizzate dall’Eurosea Gender and Diversity Board, lezioni apprese nell’impegno degli stakeholder nell’osservazione e previsione degli oceani, best practice di Eurosea, e l’introduzione del protocollo di monitoraggio dell’impatto di Eurosea.

Le sessioni pomeridiane si sono invece concentrate sull’interazione di temi quali “Onde di calore marine”, “Consultazione pubblica dell’UE sull’osservazione oceanica”, “Conflitti e potenziali in genere e scienza, diversità e carriera, e cultura e scienza” e “Impact Tracking in Eurosea”. 
Mercoledì pomeriggio è stata inoltre aperto lo stage per i progetti dell’UE relativi a Eurosea con l’obiettivo di conoscersi, esplorare sinergie e avviare potenziali attività congiunte.

L’incontro annuale 2021 di Eurosea si è poi concluso venerdì 22 gennaio con l’Assemblea Generale e una tavola rotonda che ha ospitato i rappresentanti di tutti i pacchetti di lavoro. Il focus è stato portato sulle interfacce dei pacchetti di lavoro e sulle interazioni interne del progetto.

ETT con STRESS a Innovation Village

Ha avuto luogo il 7 ed 8 ottobre la quinta edizione di Innovation Village, un programma di eventi, talk, tavoli di lavoro e incontri b2b transnazionali su ricerca, innovazione, economia circolare, trasferimento tecnologico, strumenti e tecnologie in grado di favorire la ripartenza delle imprese. L’evento ha registrato quasi 5000 partecipanti tra i presenti nell’Aula Magna dell’Università Federico II di San Giovanni a Teduccio, che ha ospitato l’evento, e gli intervenuti sulla piattaforma online e alle dirette social della manifestazione.

All’evento ha partecipato anche STRESS, distretto ad alta tecnologia per le costruzioni sostenibili, e insieme a ETT – azienda consorziata – ha curato un webinar dal titolo “Circolarità e digitalizzazione per le costruzioni: la sfida del green new deal”. L’ing. Antonio Novellino, R&D manager di ETT, ha raccontato nel suo speech gli strumenti digitali realizzati dall’azienda per la gestione dell’ambiente costruito, citando le varie storie di successo e raccontando, come anche sottolineato da Ennio Rubino – presidente di STRESS -, la multidisciplinarietà e l’integrazione di competenze che portano a risultati concreti e applicabili.

Relativamente al concetto di Sostenibilità, già a gennaio il presidente della Repubblica Sergio Mattarella aveva elogiato il Consorzio STRESS per aver progettato il Living Lab a impatto zero “Nzeb” 

 

Guarda l’intervento di ETT a Innovation Village:

Online l’approfondimento di Harmful Algal News su @lgawarning

È stata pubblicato sulla rivista internazionale Harmful Algal News un approfondimento sullo studio delle fioriture algali del levante realizzato nel contesto di Algawarning, progetto coordinato da ETT e Dimes – Università di Genova con consulenza di Arpal – Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente ligure.

Il progetto Algawarning è dedicato specificatamente all’innovazione delle tecniche di monitoraggio della qualità delle acque e della valutazione del rischio ambientale marino; si tratta, in sintesi, di un servizio completo per il monitoraggio di microalghe potenzialmente tossiche.
Il progetto prevede un sistema di supporto basato su smartphone per il monitoraggio in situ delle alghe nel campione d’acqua, una procedura di laboratorio per il conteggio automatico di diverse specie di alghe e un’analisi tossicologica completa dei campioni marini basata su metodi in vitro. Inoltre, una piattaforma web specifica raccoglie, integra e archivia i dati ottenuti da diversi sistemi analitici.

Leggi di più sul sito Arpal.