Inaugurato il primo Museo italiano dedicato a Camillo Sbarbaro

È stato inaugurato sabato 12 gennaio alle ore 17, compleanno di Camillo Sbarbaro, il primo Museo multimediale dedicato al poeta, scrittore e lichenologo, nato a Santa Margherita Ligure il 12 Gennaio 1888. Il nuovo museo Camillo Sbarbaro – Scampoli Multimediali è stato allestito all’interno di Villa San Giacomo, nel complesso museale cittadino di Villa Durazzo.


All’inaugurazione, tra gli altri, sono intervenuti alcuni esponenti del Comitato Scientifico composto da: Massimo Bacigalupo, Vittorio Coletti, Franco Contorbia, Roberto Deidier, Giorgio Devoto, Beppe Manzitti, Silvio Riolfo Marengo, Massimo Morasso, Elio Pecora, Alessandro Rivali, Luigi Surdich, Stefano Verdino.

Il Museo Camillo Sbarbaro – Scampoli Multimediali è promosso dal Comune di Santa Margherita Ligure con il contributo della Compagnia di San Paolo (Valorizzazione patrimoni culturali) e realizzato da ETT s.p.a. in collaborazione con 490 Studio. Forte impulso per la sua realizzazione è stata la donazione del fotografo Fernando Galardi che nel 2016 ha lasciato al Comune quanto Sbarbaro, suo amico, gli aveva donato: foto, scritti e cinque licheni che la sorella del poeta aveva tenuto per sé.

Il Museo, come esplicitato dal titolo, vuole essere un’antologia dell’opera di Camillo Sbarbaro in chiave multimediale. Attraverso l’utilizzo di tecnologie interattive e supporti audiovisivi si rappresentano infatti la vita e gli scritti del poeta di Santa Margherita Ligure. Un approccio che consente la riscoperta dell’autore di Trucioli e Fuochi Fatui da parte di un pubblico di ogni età.
Centrale nel progetto è l’idea di esaltare il contrasto tra un ambiente domestico riconducibile al poeta e l’utilizzo di nuove tecnologie che ne valorizzino e riattualizzino l’opera. A tal fine è stata ricreata un’ambientazione che rievoca lo studio di Sbarbaro, arricchita con elementi multimediali che contestualizzano e aiutano a comprendere la storia e la figura dell’autore.

Le postazioni multimediali in cui si articola lo spazio espositivo sono quattro.
Si parte da una scrivania multimediale, corredata dai testi di Sbarbaro e da una cartina della sua Liguria. È possibile aprire ogni opera e sfogliarne il contenuto liberamente, oppure godersi il video in cui sono recitate alcune delle sue poesie più famose. La postazione permette inoltre di esplorare, tramite la mappa, i luoghi del cuore del poeta, con filmati accompagnati dalla lettura dei passi più significativi ad essi dedicati.
La seconda postazione rappresenta una sorta di album dei ricordi e permette, sfogliandola, di accedere a foto, video storici e nuove interviste a testimoni che hanno conosciuto Sbarbaro o ne hanno studiato l’opera.
I licheni originali del poeta sono conservati in un erbario e prendono vita nella terza postazione grazie ad un touch monitor, anch’esso arricchito da contenuti interattivi.
Altri monitor impreziosiscono una quadreria multimediale che presenta le tele di vari artisti vicini al poeta, valorizzandola con approfondimenti in particolare riguardo agli amici pittori Oscar Saccorotti e Paolo Rodocanachi.

La mostra si propone così il doppio obiettivo di valorizzare uno dei più importanti figli di Santa Margherita Ligure e rafforzare l’offerta culturale del complesso di Villa Durazzo. 

Matera 2019: Work in progress of the "Ars Excavandi" exhibition
The mandatory reports are 11 years old