Con ETT nuova vita al relitto romano di Marausa

Al Museo archeologico regionale Lilibeo di Marsala, per dare nuova vita al Relitto Romano di Marausa, ETT ha curato un exhibit multimediale unico che sarà visitabile a partire da sabato 13 Aprile. Uno dei più importanti progetti culturali al quale ha lavorato l’archeologo e Assessore regionale ai Beni Culturali Sebastiano Tusa a circa un mese dalla tragica scomparsa.

Le tecnologie digitali saranno affiancate all’allestimento tradizionale, valorizzandolo e consentendo una partecipazione attiva e personalizzata allo spazio. Lo scopo è quello di creare una cornice didattica che possa comunicare uno dei più antichi relitti romani rinvenuti. Oltre all’aspetto storico, infatti, saranno raccontate la scoperta e l’operazione di recupero e restauro che ne ha permesso la musealizzazione.

Sono due gli allestimenti curati da ETT: due postazioni VR che raccontano, in maniera immersiva, l’inabissarsi del relitto e un tavolo touch che attraverso vari video racconta la storia della nave dalla navigazione – nel terzo secolo d.C. – fino ala musealizzazione, passando per scoperta, ripescaggio e restauro della stessa.

“Siamo orgogliosi di poter inaugurare un museo con una storia importante come quella del relitto di Marausa e ancor più che questo progetto sia dedicato alla memoria di Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale, con il quale abbiamo avuto l’onore e il piacere di poter collaborare e condividere la sua visione innovativa dei beni culturali”, ha dichiarato Giovanni Verreschi, Presidente e Amministratore Delegato di ETT.

ETT all'inaugurazione del nuovo Atelier "Arte, bellezza e cultura"
Nuovo volto di 1P/Primo piano per la Milano Design Week