L’ARA COM’ERA

Client

Zètema

SECTOR

Museums

Activation date

10/10/2016

Link

http://www.arapacis.it/mostre_ed_eventi/eventi/l_ara_com_era

Photogallery

Un racconto multimediale, storia e tecnologia in una visita immersiva e multisensoriale dell’Ara Pacis. Personaggi, gesti, divinità e animali si animano in 3d per illustrare, insieme al colore, le origini di Roma e della famiglia di Augusto. Dal 20 gennaio ancora più immersiva tra computer grafica, realtà virtuale e aumentata.

CHALLENGE

Il progetto, promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e organizzato da Zètema Progetto Cultura, è stato affidato ad ETT SpA. Il coordinamento, la direzione scientifica, i testi e la sceneggiatura sono a cura della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. L’interpretazione dei personaggi è affidata alle voci di Luca Ward e Manuela Mandracchia.

SOLUTION

L’ARA COM’ERA combina diversa tecnologie, con la creazione di mondi virtuali in cui vengono inseriti sia personaggi reali sia ricostruiti in CG (computer grafica). Le riprese tradizionali in green screen con il coinvolgimento di attori veri, sono state inserite in un ambiente a 360° attraverso software innovativi. L’ARA COM’ERA propone una innovativa esperienza di Augmented Reality (Realtà Aumentata) e di Virtual Reality (Realtà Virtuale) unica nel suo genere. Utilizzando particolari visori AR (Samsung GearVR) e la fotocamera dei device in essi inseriti, elementi virtuali ed elementi reali si fondono direttamente nel campo visivo dei visitatori. La particolare applicazione AR riconosce la tridimensionalità dei bassorilievi e delle sculture, effettuando un tracking in tempo reale. I contenuti virtuali appaiono al visitatore come “ancorati” agli oggetti reali, contribuendo all’efficacia, all’immersività e al senso di magia dell’intera esperienza.

Il percorso si snoda in 9 punti di interesse, partendo dal plastico del Campo Marzio Settentrionale; il secondo plastico rappresenta l’Ara Pacis, dove la realtà aumentata consente di assistere al rito sacro con il quale la vittima veniva offerta alle divinità. Il plastico, inoltre, permette la visione delle trasformazioni e dei danni che l’altare ha subito nei secoli.
Il terzo punto di interesse è rappresentato dai calchi dei membri della famiglia imperiale, i quali raccontano gli intrighi che hanno permesso loro di mantenere a lungo il potere. Durante gli altri punto di interesse vengono valorizzati i dettagli dell’Ara Pacis attraverso la ricostruzione virtuale di alcuni di essi, che consente di ripercorrere le tappe delle origini di Roma e della famiglia di Augusto.
Al termine del percorso il visitatore si trova immerso tra sacerdoti, augures e littori in una processione verso il Mausoleo, alla quale prende parte lo stesso Augusto assieme alla sua famiglia.

Una fusione tra storia e tecnologia multisensoriale per vedere l’Ara Pacis come era, comprendere l’aspetto originale e la funzione dell’altare, regalando al visitatore un’esperienza unica che valorizza questo splendido patrimonio di Roma Capitale.

News

Visualizza tutte le news (5)


Press Review

13/02/2017 - L'Ara com'Era (Fonte: Rai 2 - Sereno Variabile)
13/02/2017 - Un salto al Museo dell'Ara Pacis (Fonte: Stylejump)

Visualizza tutti gli articoli (26)