MAcA - Museo A come Ambiente

Client

MAcA - Museo A come Ambiente

Activation date

16/02/2016

Link

http://www.acomeambiente.org/

Un occhio aperto sul mondo per scoprire come interagire con l’ambiente e come preservarlo. È questo che intende essere il Museo A come Ambiente di Torino, primo museo in Europa interamente dedicato ai temi ambientali. Qui, il visitatore può godere di un’esperienza altamente immersiva e interattiva, grazie all’impiego di nuove tecnologie dedicate al miglioramento della fruizione dei contenuti da parte del pubblico.
Il percorso di visita è stato ampliato con nuovi punti di interesse, progettati e realizzati da ETT S.p.A., collocati tra il primo e il secondo piano del Museo A come Ambiente e inseriti nelle due marco aree di interesse dedicate a Scarti e Alimentazione.
A marzo verrà inoltre inaugurata una nuova sala chiamata “Guscio” costituita da un’area meeting con un sistema di proiezione e un exhibit che permette ai visitatori, attraverso la tecnologia degli Oculus, di vivere un’esperienza di Virtual Reality all’interno di una stazione spaziale. Di questa nuova area farà inoltre parte anche il Planetario gonfiabile che, grazie ad un proiettore ad alta definizione e i più innovativi software didattici, consentirà al visitatore di vivere un’emozionante esperienza astronomica.

AREA ALIMENTAZIONE
L’area dedicata all’alimentazione si articola in sei punti principali:
All’arrivo del visitatore tre personaggi danno vita a un dialogo sul futuro dell’alimentazione: ogni personaggio incarna un diverso modo di affrontare l’argomento, con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico al problema della nutrizione nel mondo.
Proseguendo nella visita si incontra un tavolo da chimico, sul quale due monitor touch rendono possibile giocare con le principali molecole che stanno alla base della nostra vita per comprendere meglio l’importanza di un’alimentazione corretta.
Nella cucina interattiva è possibile interagire con un monitor touch screen all’interno del quale un cuoco indica al visitatore gli ingredienti da utilizzare per creare una ricetta scelta e racconta ciò che avviene dal punto di vista fisico-chimico nelle varie fasi della preparazione.
Sul grande tavolo da pranzo, scorrono immagini di piatti che rappresentano diverse culture. Il visitatore è qui invitato a “trascinare” il piatto di interesse sopra la propria tovaglietta per approfondire la conoscenza di un particolare popolo.
Il grande frigorifero invita il visitatore a riflettere sul valore del cibo e su come evitare di sprecarlo, grazie ai giochi interattivi proposti dal monitor al suo interno.

AREA SCARTI
L’area dedicata agli scarti si snoda in quattro exibit principali:
Quattro monitor accolgono il visitatore facendo scorrere immagini che rappresentano la ciclicità dei fenomeni in natura nei quali non si accumulano i rifiuti ma tutto viene riutilizzato per nuovi processi.
Il percorso prosegue alla Vetrina Interattiva all’interno della quale sono contenuti cinque oggetti di uso comune (una caffettiera, una piastrella di parquet, una piastrella di gres porcellanato, un sacchetto di carta e una felpa di pile) e che permette di approfondire come sia possibile ottenerli grazie al riciclo dei materiali.
Il terzo exhibit, intitolato Dalla Terra alla terra è costituito da due monitor. Il primo interamente touchscreen, permette di apprendere giocando quali siano gli elementi corretti e come debbano essere utilizzati per creare il compost; il secondo permette di vedere cosa accade all’interno di una compostiera, dalla raccolta degli elementi, al mantenimento dell’umidità interna del compost fino ad arrivare alla formazione finale del compost.
L’ultima installazione del percorso è dedicata invece ai rifiuti elettronici: toccando l’elemento di interesse (smartphone, computer ecc) è possibile conoscere quanti elementi rari e nocivi sono contenuti al suo interno grazie a un video.


News


Press Review