News

25 Mar 2011

Azienda Calabria Lavoro sperimenta nuove metodologie per l’analisi del mercato del lavoro regionale

Azienda Calabria Lavoro, polo di sviluppo della Regione Calabria, punta al rilancio del territorio con l’adozione di strumenti avanzati di analisi del Mercato del Lavoro, basati sulla logica Fuzzy, che consiste in un’estensione della logica a valori multipli. In quest’ottica, si è svolta il 22 marzo presso la sede di Azienda Calabria Lavoro la conferenza stampa di presentazione: “La logica Fuzzy e l’osservazione del mercato del lavoro”, alla presenza del Commissario Avv.Pasquale Melissari e dell’Ing. Massimo Russo responsabile centro-sud di ETT.

La creazione di strumenti di analisi trasversale parte infatti dalla teoria avanzata dall’avv. Pasquale Melissari dell’Anello Tetralogico della conoscenza, uno strumento per la comprensione dei fenomeni del Mercato del Lavoro, che mette in relazione i valori fondamentali di tempo, spazio, oggetto e soggetto.

A partire dallo studio di queste variabili, ETT, partner tecnologico di Azienda Calabria Lavoro, si occuperà dello sviluppo di moduli software integrati al SIL Calabria in grado di riprodurre informaticamente la teoria dell’anello Tetralogico della conoscenza. Attraverso un’analisi incrociata dei dati in possesso di Azienda Calabria Lavoro (Movimenti del mercato, esigenze espresse dalle aziende, dati anagrafici e competenze dei cittadini disoccupati, ecc.), si realizzeranno così strumenti per analizzare l’occupabilità dei cittadini: sarà quindi possibile comprendere quanto un particolare profilo professionale è appetibile per il mercato locale, quali sono i punti di forza e di debolezza, e quindi dove è necessario investire in termini di formazione per aumentare la possibilità di trovare lavoro in Calabria.

Con lo sviluppo dei nuovi moduli integrati al SIL Calabria, in grado di aumentare l’efficacia e l’efficienza dei servizi pubblici per l’impiego e analizzare nel dettaglio il mercato del lavoro con strumenti di dataminig e datawarehouse , ETT conferma ancora una volta la sua presenza in un contesto fortemente attento alle esigenze del territorio, che punta sempre più a definire azioni mirate di orientamento e di politica attiva.