490 Studio realizza il Memoriale Veneto della Grande Guerra (MEVE)

La Grande Guerra nelle immagini d’epoca: il fronte rivive nel racconto dei suoi protagonisti al MEVE di Montebelluna (TV)

È stato inaugurato in occasione del Centenario della fine della prima Guerra Mondiale a Montebelluna (TV) e il Memoriale Veneto della Grande Guerra, MEVE, che, grazie a un allestimento innovativo, emozionale e multimediale permette un approccio diretto coi protagonisti di quell’apocalisse sociale: la generazione che ne fu travolta racconta, in presa diretta, attraverso le istantanee scattate per testimoniare la vita di trincea o di retrovia, la lotta contro il fango, i pidocchi e il freddo, prima ancora che con il nemico.

L’allestimento MEVE, localizzato nel complesso monumentale seicentesco di Villa Correr Pisani,  è frutto della collaborazione di tre aziende: 490 Studio (hw e multimedia), Sole e Luna Production (video e foto) Eikon (grafica), Costruzioni Bordignon srl (restauro e arredi) e Amadeus Network Solution srl (parte di fornitura hw, sistema di gestione centralizzato dispositivi presenti in museo per conto di Costruzioni Bordignon), oltre alla forte presenza della direttrice del museo Monica Cieli (coordinamento, contenuti e ricerca materiale negli archivi): la collaborazione fra i diversi soggetti e le diverse competenze ha permesso la realizzazione in tempi stretti di un museo vasto e ricco di contenuti.

L’allestimento multimediale curato da 490Studio, società del gruppo ETT, propone ai visitatori un approccio originale sulla Grande Guerra, in relazione all’ambiente, ai paesaggi e agli uomini che ne furono protagonisti e alle famiglie che li attesero, spesso invano, a casa. La narrazione in prima persona rinnova la memoria e rende l’esperienza lucida ed emozionale: 490Studio ha realizzato un simulatore di volo dell’epoca, che ne rende vividamente il rischio e la difficoltà, un tavolo interattivo multi-utente con mappe tematiche che mostrano l’evoluzione di infrastrutture come acquedotti, strade e ferrovie; postazioni con audio originale e schede di approfondimento, una videoproiezione a 360° dei luoghi della guerra e totem interattivi per la consultazione di schede di approfondimento sulle innovazioni tecnologiche del tempo.

Per le sue narrazioni, 490Studio ha attinto all’inestimabile patrimonio degli archivi locali. Da FAST, Foto Archivio Storico Trevigiano, sono state selezionate immagini dal fondo privato del Generale Pietro Badoglio: le sue sono immagini di un conflitto visto con gli occhi di un ufficiale. Dal Museo della Battaglia di Vittorio Veneto, la collaborazione offerta dal Comune ha permesso di recuperare una selezione di immagini del fondo Marzocchi, uno dei primi e più significativi operatori del Reparto Fotografico del Comando Supremo Italiano. Infine, dal montebellunese Fondo Robazza, sono state tratte immagini della Montebelluna negli anni del conflitto e della guerra vista con gli occhi di chi, al fronte e a casa, la subiva.  Altri contributi sono attesi dai visitatori, che sono invitati a collaborare al progetto arricchendo il patrimonio fotografico e documentaristico con le proprie, personali, immagini e testimonianze.

 

Altre info http://www.trevisotoday.it/blog/meve-montebelluna-guerra-mostra-immagini.html

 

 

 

Workshop MONGOOS 2018 a Genova organizzato da ETT
Parte il Progetto Sentinel: ETT partecipa all’interno del Consorzio Train